Inaugurazione Davour la mont

All’inaugurazione di Davour la mont di ieri c’è stata una partecipazione meravigliosa.
Un luogo importante, fondamentale della resistenza friulana è stato riportato alla luce dal lavoro determinato della sez. Anpi dello spilimberghese e da una indefessa brigata di lavoro volontario…
Anche da qui (ri)partiremo per il progetto “luoghi e sentieri” partigiani.
…Per la conquista del terren…

All'inaugurazione di Davour la mont di ieri c'è stata una partecipazione meravigliosa.Un luogo importante, fondamentale della resistenza friulana è stato riportato alla luce dal lavoro determinato della sez. Anpi dello spilimberghese e da una indefessa brigata di lavoro volontario…Anche da qui (ri)partiremo per il progetto "luoghi e sentieri" partigiani….Per la conquista del terren…

Julkaissut Zone Libere Partigiane Maanantaina 30. syyskuuta 2019

Forni di sotto/ Il canto delle rondini

In anticipo sulla Festa della Repubblica Partigiana del 2 giugno 2020 (o 70 giorni dopo quella del 2019), il coro multietnico Canto Sconfinato a Forni di Sotto per ricordare l’incendio nazifascista di 75 anni fa. Dopo 75 anni ancora si parla di razze e si alzano barriere e si preparano campi:

restiamo umani, cantiamo insieme!

Nessuna descrizione della foto disponibile.

La storia non è negoziabile

Si stanno scatenando attacchi più o meno rabbiosi da parte di un ventaglio di forze che vanno da Casa Pound e Forza Nuova, passando per Lega, Forza Italia e Pd, verso qualsiasi iniziativa analizzi da un punto di vista critico le vicende del confine orientale, delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata. A berciare contro ricercatori impegnati/e coraggiosamente da anni su questo delicato e misconosciuto fronte è chi rifiuta il metodo storico ed utilizza queste dolorose vicende storiche esclusivamente a fine persuasivo e politico senza alcun interesse per la verità storica.

Gli attacchi più violenti colpiscono l’ANPI di cui si mettono in discussione non solo il diritto a ricevere finanziamenti ma perfino il diritto a manifestare e l’esistenza stessa.

Non abbiamo sentito una parola sui vergognosi raduni nazifascisti che riempiranno le piazze della città della nostra regione nelle date prossime al giorno del ricordo.

Ci si preoccupi di questo!

Esprimiamo solidarietà, in particolare, a tutte le sezioni ANPI che hanno voluto sostenere o promuovere iniziative critiche verso la strumentalizzazione storica e politica del confine orientale. Perché ciò che hanno subìto riguarda direttamente tutte le realtà organizzate dell’antifascismo, fuori e dentro l’ANPI, che intenderanno portare avanti una vera e propria “resistenza storica”. Non si può accettare di stravolgere la storia per timore di urtare la sensibilità dei fascisti.

Il peggiore nazionalismo auto assolutorio si sta ricostruendo sulla storia del vecchio confine orientale.

Continue reading “La storia non è negoziabile”